Un diverso Taikai

di Rosita Giovannetti

Quest’anno ho partecipato al Taikai di iaido con una modalità diversa, come spettatrice.

Sono arrivata di buon mattino al Centro Sportivo di Novarello accompagnata da una inconsueta leggerezza, senza spada e borsone dell’abbigliamento ma soprattutto senza l’ansia per la competizione.

Sono entrata nel palazzetto con disinvoltura e dopo alcune chiacchiere e saluti agli amici iaidoca, che rivedo sempre con piacere, ho preso posto sulle gradinate.

Da quella postazione ho assistito ai vari incontri ed è stata una esperienza utile. Ho guardato con occhio più critico, ho cercato di osservare con più attenzione ogni movimento alla ricerca di quei famosi chakuganten e del fighting che tanto fa la differenza fra un competitore e l’altro. In alcuni casi è veramente difficoltoso pendere in un attimo la decisione per tirare su la bandierina.

Assistere alle competizioni da un’altra prospettiva e vedere se il mio giudizio coincideva con gli arbitri oppure no è stato interessante e anche divertente, e quando mi sono trovata nell’indecisione il mio giudizio è stato di “pancia” istintivo.

Nella veste di “arbitro esterno” ho capito quanto l’arbitraggio abbia bisogno di molta concentrazione per emettere un giudizio che tenga conto di tutti gli elementi che un competitore sia in grado di esprimere.

Un grazie a tutti gli arbitri che mettono a disposizione il loro tempo ed esperienza con tanta passione.

Rosita Giovannetti

Iaido Taikai 2023
CIK Iaido Taikai 2023 – Foto © Piervittorio Pozzo
Iaido Taikai 2023
CIK Iaido Taikai 2023 – Foto © Piervittorio Pozzo
Iaido Taikai 2023
CIK Iaido Taikai 2023 – Foto © Piervittorio Pozzo
Iaido Taikai 2023
CIK Iaido Taikai 2023 – Foto © Piervittorio Pozzo
clicca qui sotto per altre riflessioni sul Taikai

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here